Quantcast

Cos’è l’IPTV e come funziona. Tutto sulle liste IPTV


IPTV, come funziona? Anzi, ancora prima: IPTV, cos’è? Ve lo sarete chiesto almeno una volta, specie in questi ultimi mesi che hanno visto esplodere questo nuovo modo di godersi i canali TV ed i contenuti On Demand. L’IPTV gratis, ed in particolare l’IPTV con Sky, Dazn, Mediaset, Netflix e molti altri servizi a pagamento, ha attirato milioni di utenti in tutto il mondo, facendo purtroppo fiorire anche il mercato dei fornitori di servizi di streaming pirata che, lo specifichiamo, sono illegali. Per questo, nel nostro articolo vi spiegheremo l’IPTV cos’è parlando anche di Smart IPTV e SS IPTV a puro scopo informativo. Non si intende infatti promulgare liste di canali o promuovere fornitori che offrono servizi che infrangono la legge.

Cos’è l’IPTV

L’IPTV (Internet Protocol Television) è il nuovo modo di guardare i canali TV via internet. Molto semplice da spiegare: al posto di utilizzare un’antenna, un satellite o dei cavi in fibra ottica per ricevere i segnali e quindi i canali tradizionali da vedere, questi stessi canali, siano essi del digitale terrestre o satellitari, vengono trasmessi quasi in contemporanea in streaming con un flusso live o on demand, il tutto tramite alcuni protocolli diversi da quelli che siamo abituati a vedere sul web.
Si tratta in poche parole di un metodo attraverso cui si trasmettono segnali televisivi attraverso la rete Internet, in un sistema tecnologicamente diverso dalla WebTV e più orientato alla fruizione dei contenuti in diretta. Per usufruire di questo servizio basta avere dunque un qualsiasi smartphone, tablet, PC o smart TV connesso ad una rete internet e di base esistono tantissimi canali gratuiti da poter guardare legalmente ed in tutta comodità tramite IPTV.
Erroneamente, però, più di recente si è diffusa l’associazione IPTV-Sky (o Dazn, ma anche qualsiasi altro tipo di servizio a pagamento). Ovvero: l’IPTV gratis (o ad una cifra irrisoria) per accedere in maniera del tutto illegale a canali in abbonamento. L’ormai celebre pezzotto, ad esempio, di cui hanno parlato Le Iene su Italia 1 e che vi abbiamo raccontato qui.
Ma adesso andiamo a vedere per bene e più nello specifico l’IPTV come funziona.

cosa è la iptv

Come funziona l’IPTV

Nella normale televisione il segnale è inviato tramite onde radio alla vostra antenna o dal satellite alla parabola. La stessa antenna/parabola, poi, converte il segnale ricevuto in segnale elettrico e lo convoglia al decoder (integrato alla TV o esterno) che lo decodifica in suoni ed immagini.
L’IPTV, invece, prevede la trasmissione dei canali televisivi tramite internet e può avere due tipi di programmi: quelli live, che vengono trasmessi mentre vengono registrati, e quelli pre-registrati, i quali hanno bisogno di essere depositati su uno spazio web per essere poi riprodotti dall’utente On Demand.
Il funzionamento corretto dell’IPTV poggia su due basi fondamentali.

Per prima cosa la banda. Per comprendere al meglio cos’è la banda, bisogna pensare ad internet come una serie di autostrade e ai dati come una serie di automobili che le percorrono. Se la banda di un sito è poca, allora alcune informazioni vengono perdute e non tutte riescono a raggiungere il destinatario in poco tempo; la trasmissione, quindi, subirà alcune interruzioni, proprio come se su queste autostrade ci fosse molto traffico. Al contrario, se la banda è molta, allora le informazioni riusciranno a viaggiare in poco tempo ed in modo ordinato, senza perdere pacchetti di dati.
La seconda cosa fondamentale è lo streaming audio e video. Lo streaming, infatti, rende possibile vedere i contenuti scaricandoli direttamente sul nostro dispositivo sotto forma di file temporanei che poi verranno eliminati, sia in diretta che On Demand.
Per semplificare il tutto, riassumere e spiegare in maniera più semplice l’IPTV cos’è: si tratta in poche parole di una televisione che non arriva più nelle case via antenna, parabola o cavo, ma offerta in streaming, e quindi attraverso Internet.
Per i contenuti in diretta, e quindi dei quali usufruiscono molti utenti contemporaneamente, si usano dei protocolli multicast (solitamente il protocollo IGMP), mentre per i contenuti on demand che vengono dunque inviati ad un singolo utilizzatore si usano protocolli unicast.

Come e dove posso vedere i canali IPTV

Per vedere le IPTV, come detto in precedenza, c’è bisogno innanzitutto di una connessione internet adeguata, in quanto la banda utilizzata può essere notevole. Inoltre serve un dispositivo su cui riprodurre i contenuti audiovisivi, quindi un qualsiasi smartphone, tablet, pc, tv (ma con l’aggiunta di un dispositivo esterno di cui parleremo tra poco) o smart TV.
Come avviene nella televisione con il satellitare o il digitale terrestre, per vedere i canali IPTV è necessario poi un programma per la fruizione delle IPTV che funzioni come un decoder al quale viene fornito un indirizzo da cui deve ricevere i dati trasmessi.
Alcuni software molto usati sono Kodi di cui vi abbiamo parlato qui, VLC di cui parliamo qui, CherryPlayer, Net TV, Perfect Player e molti altri. I programmi da soli, però, non permettono automaticamente la fruizione dei canali: serve una lista IPTV, di cui vi parliamo di seguito.

N.B: Non ci faremo carico di come utilizzerete questa guida. L’articolo è solo a scopo informativo.

Liste canali IPTV, dove e come trovarle

La premessa doverosa da fare è che la lista IPTV che troverete online non sempre sarà legale. Lo streaming di IPTV gratis con Sky e Mediaset, per esempio, è nella maggior parte dei casi vietati per legge. Ma come già accennato esistono molti canali trasmessi legalmente con IPTV e le liste, in questi casi, sono facilmente reperibili.
Il primo consiglio è ovviamente quello di utilizzare il motore di ricerca Google, digitare Liste IPTV ed impostare il filtro tempo per ridurre la ricerca agli ultimi 7 giorni o, al massimo un mese. Le liste IPTV sono infatti spesso instabili ed in aggiornamento costante, è bene dunque reperire sempre le più recenti.
Alcune delle liste più conosciute ed aggiornate costantemente sono infogw auto-aggiornantePandaSat e una del QDR Forum. Esistono poi gruppi Telegram, siti specializzati e forum dedicati in cui trovare altre liste.

Liste IPTV Sky, Mediaset e DAZN. Cosa si rischia con l’IPTV

Non tutte le IPTV sono gratis e, come accennato in precedenza, ci sono dei servizi che permettono di vedere canali a pagamento con un prezzo molto inferiore rispetto a quello previsto da contratto.
I servizi in questione, infatti, hanno un costo che si aggira fra i 10€ ed i 15€ mensili e permettono illegalmente (lo sottolineiamo di nuovo) di accedere a canali IPTV come SkyMediaset e DAZN, oltre a contenuti On Demand. Esistono anche servizi completamente gratuiti, che però vengono continuamente modificati ed i server spesso chiudono per motivi legali.
Una app IPTV per la visione di questo servizio gratuito si chiama Watchapp, che consente di guardare tramite IPTV Sky, Mediaset, DAZN e anche altri servizi in abbonamento in modo totalmente gratuito e, lo ribadiamo, illegale.
Dovete sapere infatti che i rischi maggiori sono ovviamente destinati ai gestori non autorizzati di tali servizi, e vanno dalla reclusione per un massimo di 4 anni alle sanzioni amministrative fino a 15.000€. Ma anche chi usufruisce di tali servizi in alcuni casi rischia addirittura fino a 3 anni di reclusione e 25.000€ di multa per violazione dei diritti d’autore.

Ci teniamo a specificare che l’unico modo per accedere ai contenuti di DAZN in maniera legale senza rischiare nulla è sottoscrivere un abbonamento. Per farlo, basta registrarsi gratuitamente nel widget qui di sotto

App per IPTV

Una volta capito l’IPTV come funziona, andiamo ora a presentarvi alcune delle app per IPTV più conosciute ed utilizzate: SS IPTV e Smart IPTV.

SS IPTV

La SS IPTV è nello specifico un’applicazione per Smart TV che consente, tra le varie funzioni, di riprodurre lo streaming video su una rete locale o attraverso internet (tra cui, appunto, l’IPTV). Ad oggi è disponibile solamente la versione per tv prodotte da LG e Samsung ed è piuttosto apprezzata. La SS IPTV non fornisce all’utente dei servizi di IPTV o liste IPTV, ma solo l’accesso al contenuto fornito dagli operatori IPTV.

Smart IPTV

Smart IPTV è utilizzabile, come la precedente, su smart TV Lg e Samsung, ma anche sui device Android e Amazon Fire TV. Questa applicazione consente di importare, elaborare e gestire liste di canali distribuiti via Internet facilitandone quindi la visione e l’organizzazione. Con Smart IPTV è inoltre possibile passare da un canale all’altro usando facilmente lo smartphone o il telecomando del televisore.
Questa app è totalmente legale: è direttamente accessibile sulle smart TV Lg e Samsung ed installabile su dispositivi Android e Amazon Fire TV partendo dal pacchetto APK disponibile sul sito ufficiale.

Decoder IPTV: quale scegliere e quali sono i migliori decoder per IPTV

A questo punto avreste dovuto aver capito l’IPTV come funziona. Dovete sapere, quindi, che con il recente boom della IPTV è esploso anche il mercato dei decoder IPTV, i quali permettono di trasformare il vostro comune televisore in una potente smart TV con tantissime funzioni aggiuntive. Qui trovate la nostra guida ai migliori decoder IPTV con recensioni e approfondimenti.